Appropriatezza terapeutica in osteoporosi

Professioni Accreditate

    Medico chirugo

  • Urologia
  • Medicina interna
  • Medicina generale (medici di famiglia)
  • Medicina fisica e riabilitazione
  • Geriatria

Luogo

Angri
Piazza Annunziata, 40

Date

28 Novembre 2020

Crediti

5

Posti

10

Costo

Descrizione

I MEDICI DI MEDICINA GENERALE , OGGI , SONO TENUTI NON SOLO AD INTERCETTARE LA DOMANDA CLINICA, MA ANCHE A SODDISFARE LE ESIGENZE PER CUI IL COLLEGAMENTO CLINICO ORGANIZZATO, TRA GLI ATTORI DIVENTA UNA ESIGENZA FONDAMENTALE. IN UN CONTESTO SANITARIO FATTO DI GROSSI CAMBIAMENTI, UN MOMENTO DI CONDIVISIONE SCIENTIFICA DIVENTA UNA REALE NECESSITÀ . INDIVIDUARE PERCORSI E LINEE DI CONDOTTA COMUNI DIVENTA IL REALE OBIETTIVO DEL CORSO, DA PERSEGUIRE COME UN PRODOTTO DI UN COMUNE SENTIRE E AGIRE. IL CORSO SI FOCALIZZERÀ SULLA GEESTIONE DEL PAZIENTE, SULLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE OSTEOPOROTICHE. LA SINDROME OSTEOPOROTICA RAPPRESENTA UNA CONCOMITANZA DI EVENTI PATOLOGICI CHE INCIDONO NEGATIVAMENTE SULLA QUALITÀ DI VITA DEI PAZIENTI. IL PRIMO OBIETTIVO, DA PART DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE E DEGLI SPECIALISTI È QUELLO DI INDIVIDUARE I SEGNALI PER POTER INTERVENIRE RAPIDAMENTE ED ADEGUATAMENTE NELLA PREVENZIONE PRIMARIA E SECONDARIA DI TALE EVENTO. DAL RAPPORTO OSMED (GENNAIO-SETTEMBRE 2016 ), SI EVINCE CHE IN ITALIA , AL FRONTE DI UN TREND IN AUMENTO DELLE FRATTURE OSSEE, L’UTILIZZO DI FARMACI A BASE DI BIFOSFONATI È IN DECREMENTO . A TALE DATO SI AGGIUNGE UNA GESTIONE TERAPEUTICA NON CORRETTA. DA CIÒ NE DERIVA CHE L’ADERENZA/COMPLIANCE ALLA TERAPIA RAPPRESENTA UN TARGET TERAPEUTICO DA IMPLEMENTARE, UTILIZZANDO SCELTE FARMACOLOGICHE IN LINEA CON LE LINEE GUIDA NAZIONALI E CON L’ULTIMO AGGIORNAMENTO DELLA NOTA 79 DI AIFA. L’ OBIETTIVO DI QUESTO CORSO È QUELLO DI FAR SI CHE I MEDICI DI MEDINA GENERALE E GLI SPECIALISTI SI ATTIVINO AFFINCHÉ SIA FATTA UNA CORRETTA PREVENZIONE PRIMARIA E SECONDARIA DELLA SINDROME DELL’OSTEOPOROSI E IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE, IN

 

Luogo dell'evento

Piazza Annunziata, 40 Angri (Sa)

Domande frequenti


Devo necessariamente registrarmi al vostro sito per potermi iscrivere ad un evento?
No. La registrazione al sito consente di essere aggiornato sui futuri eventi
Che cos’è l’ECM?
L’ECM è il processo attraverso il quale il professionista della salute si mantiene aggiornato per rispondere ai bisogni dei pazienti, alle esigenze del Servizio sanitario e al proprio sviluppo professionale. La formazione continua in medicina comprende l’acquisizione di nuove conoscenze, abilità e attitudini utili a una pratica competente ed esperta. I professionisti sanitari hanno l'obbligo deontologico di mettere in pratica le nuove conoscenze e competenze per offrire una assistenza qualitativamente utile. Prendersi, quindi, cura dei propri pazienti con competenze aggiornate, senza conflitti di interesse, in modo da poter essere un buon professionista della sanità. L’avvio del Programma nazionale di ECM nel 2002, in base al DLgs 502/1992 integrato dal DLgs 229/1999 che avevano istituito l’obbligo della formazione continua per i professionisti della sanità, ha rappresentato un forte messaggio nel mondo della sanità. La nuova fase dell’ECM contiene molte novità e si presenta quale strumento per progettare un moderno approccio allo sviluppo e al monitoraggio delle competenze individuali. Dal 1 gennaio 2008, con l’entrata in vigore della Legge 24 dicembre 2007, n. 244, la gestione amministrativa del programma di ECM ed il supporto alla Commissione Nazionale per la Formazione Continua, fino ad oggi competenze del Ministero della salute, sono stati trasferiti all’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas). L’Accordo Stato Regioni del 1° agosto 2007 che definisce il Riordino del Programma di Formazione Continua in Medicina e stabilisce la nuova organizzazione e le nuove regole per la Governance del sistema Ecm del triennio 2008-2010, individua infatti nell’Agenzia la "casa comune" a livello nazionale, in cui collocare la Commissione nazionale e gli organismi che la corredano.
Cosa sono i crediti formativi ECM?
I crediti ECM sono indicatori della quantità della formazione/apprendimento effettuata dai professionisti sanitari in occasione di attività ECM. Sono assegnati dal Provider ad ogni evento formativo e da questo attestati ai partecipanti a seguito dell’accertamento dell’apprendimento e ai docenti/tutor del programma formativo. Sono validi su tutto il territorio nazionale (cfr.: Regolamento applicativo dei criteri oggettivi dell’accreditamento del 13 gennaio 2010– pag.7)
È obbligatoria l'E.C.M.?
Sì, a partire dal 2002, anno in cui inizia la fase a regime del Programma nazionale di E.C.M. È esonerato dall'obbligo dell'E.C.M. il personale sanitario che frequenta, in Italia o all'estero, corsi di formazione post-base propri della categoria di appartenenza (corso di specializzazione, dottorato di ricerca, master, corso di perfezionamento scientifico e laurea specialistica, previsti e disciplinati dal Decreto del MURST del 3 novembre 1999, n. 509, pubblicato nella G.U. n. 2 del 4 gennaio 2000; corso di formazione specifica in medicina generale, di cui al Decreto Legislativo 17 agosto 1999, n. 368, emanato in attuazione della Direttiva 93/16/CEE in materia di libera circolazione dei medici e di reciproco riconoscimento dei loro diplomi, certificati ed altri titoli; formazione complementare es.corsi effettuati ai sensi dell’art. 66 "Idoneità all’esercizio dell’attività di emergenza" di cui al Decreto del Presidente della Repubblica 28 luglio 2000 n. 270 Regolamento di esecuzione dell’accordo collettivo nazionale per la disciplina dei rapporti con i medici di medicina generale; corsi di formazione e di aggiornamento professionale svolti ai sensi dell’art. 1, comma 1, lettera d) "Piano di interventi contro l’AIDS" di cui alla Legge 5 giugno 1990, n. 135, pubblicata nella G.U. n. 132 dell’8 giugno 1990) per tutto il periodo di formazione (anno di frequenza). Sono esonerati, altresì, dall’obbligo E.C.M. i soggetti che usufruiscono delle disposizioni in materia di tutela della gravidanza di cui alla legge 30 dicembre 1971, n. 1204, e successive modificazioni, nonché in materia di adempimento del servizio militare di cui alla legge 24 dicembre 1986, n. 958, e successive modificazioni, per tutto il periodo (anno di riferimento) in cui usufruiscono o sono assoggettati alle predette disposizioni.
Quanti crediti devono essere acquisiti nel triennio 2011-2013 dal professionista sanitario?
Per il triennio 2011-13 è stato confermato il debito complessivo di 150 crediti formativi (50 crediti annui - min. 25 max 75). E’ prevista la possibilità, per tutti i professionisti sanitari, di riportare dal triennio precedente ( 2008-10) una quota di crediti stabilita in 45 crediti (cfr.: Accordo Stato-Regioni 19 Aprile 2012), a condizione che il professionista abbia pienamente ottemperato al debito formativo previsto per il trienno precedente di 150 c.f. oppure *90 c.f.. * Dal triennio 2005-2007, il professionista, che ha acquisito 60 c. f., può detrarli dal numero di crediti complessivo (150) relativo al successivo triennio (2008-2010) e acquisire 90 c.f.. Tale misura consente di detrarre ulteriormente nel triennio in corso( 2011-2013) 45 crediti formativi e quindi acquisire 105 crediti formativi. Chi non ha acquisito i crediti formativi sulla base delle indicazioni riportate, deve per ogni periodo, acquisire 150 crediti formativi.
È obbligatorio frequentare i corsi ECM?
Si è necessario partecipare nella misura del 100% ai lavori scientifici per i quali è stato richiesto l’accreditamento, compilare il questionario di apprendimento (rispondendo correttamente al 75% delle domande), la scheda di valutazione dell’evento e la scheda di iscrizione. Riconsegnare al termine dell’evento, presso la segreteria, tutta la documentazione debitamente compilata e firmata
In che percentuale devono essere acquisiti i crediti (FAD-RES-FSC)?
In base ai "Criteri per l'assegnazione dei crediti alle attività ECM approvato dalla Commissione nazionale per la formazione continua il 13 gennaio 2010" - pag.6 - pag.15 - nota 4, per la tipologia 2 (res:convegni, congressi, simposi, conferenze), la tipologia 5 (fsc:gruppi di miglioramento), la tipologia 6 (fsc:ttività di ricerca),la tipologia 10 (docenza e tutoring) il numero massimo di crediti acquisibili non può eccedere, complessivamente, il 60% del monte crediti triennale ottenibile da un singolo professionista sanitario (n.90 crediti formativi su 150).